Realtà Aumentata e Realtà Virtuale per Bambini con Autismo

Il disturbo dello spettro autistico è un disturbo dello sviluppo che altera i comportamenti sociali. Di solito possono essere notati entro i primi due anni di vita. I sintomi possono essere: difficoltà a comunicare e avere interazione sociale con gli altri, problemi sensoriali e di attenzione, e comportamenti ripetitivi.

Grazie alle innovazioni in realtà aumentata e virtuale, i bambini con autismo hanno ormai maggiori possibilità di imparare e migliorare le competenze necessarie per affrontare le sfide della vita degli adulti. 

Apprendimento AR

La realtà aumentata è una tecnologia efficace per incoraggiare il gioco, migliorare il linguaggio e il vocabolario, la comunicazione verbale, la comunicazione non verbale e indizi sociali, l’identificazione delle emozioni e l’attenzione, l’apprendimento di nuove abilità e infine è utile per aumentare la motivazione. L’AR può anche essere uno strumento utilizzato per assistere le persone con autismo mentre stanno avendo un’interazione sociale. Ad esempio, gli occhiali intelligenti AR (o anche le lenti a contatto intelligenti in futuro) possono inviare segnali visivi o uditivi per aiutarli a gestire un’interazione socio-emotiva in diretta.

Apprendimento VR

La realtà virtuale è una tecnologia molto efficace per aiutare il processo di apprendimento in generale. Nel caso particolare dei bambini con ASD è utile per prepararli a parlare in pubblico, a semplice e a complesse competenze sociali, o ad insegnarli a controllare le loro ansie. La realtà virtuale è particolarmente efficace grazie al suo aspetto molto coinvolgente. I bambini possono imparare nuove abilità, o imparare ad affrontare situazioni stressanti. Ad esempio, per l’abilità a parlare in pubblico possono usare un pubblico di avatar che sparisce quando il bambino che parla non mantiene il contatto visivo con gli avatar. Inoltre quest’esercizio gli insegna a guardare tutto il pubblico e non solo un punto fisso. Questo gioco ha avuto una risposta molto buona da parte dei partecipanti.

Queste nuove tecnologie possono essere utilizzate dai terapisti, insegnanti e anche dai genitori. Infatti, gli esercizi in AR e VR dovrebbero essere praticati spesso, e questa tecnologia può portarli a casa, senza bisogno di aiuto medico, né situazioni reali. Questi strumenti rappresentano una situazione reale, ma in un ambiente sicuro e predetto.

Inoltre, una terapia simile a un gioco è molto più appropriata per un bambino. La terapia VR e AR non solo miglioro i risultati della terapia, ma protegge anche la felicità e la motivazione del bambino.

Il potenziale della AR ha appena iniziato ad essere esplorato, e possiamo solo aspettarci che ci stupisca ancora di più in futuro!

Hai ancora sete di ispirazione high-tech?

Leggi 

Vuoi sviluppare il tuo progetto AR? Contattaci

Chiudi il menu